Il sito visit.terresmonviso.eu è online in versione Beta! Hai consigli e feedback su come migliorarlo? Scrivici sui social!

I progetti finanziati dalla programmazione europea Interreg Alcotra nelle Terres Monviso

In attesa del nuovo PITer, per il quale sono in corso gli incontri preparatori grazie ai quali saranno definite strategia e tematiche di intervento, le Terre del Monviso vedono l’avvio di alcuni progetti finanziati dalla programmazione europea Interreg Alcotra: uno coinvolge tutti i territori italiani, gli altri sono focalizzati su porzioni più ridotte dell’area Terres Monviso.

Vélopluf – La famiglia in bicicletta


È la continuazione per il consolidamento di alcuni obiettivi dei precedenti progetti VéloViso e Pluf!, di cui ha ripreso e unito i nomi, ed è finalizzato a migliorare l’offerta cicloturistica e i servizi turistici per le famiglie e vede collaborare il Comune di Saluzzo, che è l’ente capofila, le Unioni Montane Valle Varaita, Valle Maira, Valle Grana, Valle Stura, Comuni del Monviso, Barge-Bagnolo Piemonte sul versante italiano e le Communauté de communes de Serre-Ponçon e du Guillestrois et du Queyras e l’Office de Tourisme du Guillestrois et du Queyras su quello francese.

L’obiettivo è rafforzare la capacità attrattiva del territorio in chiave turistica, ampliandone le opportunità di fruizione e specializzandole per un’utenza di tipo familiare. Tra le realizzazioni principali sul versante italiano, c’è la costruzione di 18 nuove aree ludico-tematiche attrezzate con postazioni di gioco per bambini, di 2 bike park destinati a bambini e ragazzi e di 2 interventi di infrastrutturazione su percorsi ciclabili già esistenti.

Il progetto è finanziato sul cosiddetto Bando “Transizione” della programmazione Interreg Alcotra 2014-2020 e prevede interventi per 775.306,39 euro, di cui 620.245,11 euro provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale e i restanti 155.061,28 euro dal cofinanziamento dei partner.

Per saperne di più: https://visit.terresmonviso.eu/velo-pluf/

ValOd’OC! – Valorizzazione e Organizzazione degli Operatori della Castanicoltura

Il capofila del progetto è l’Unione Montana Valle Stura e i partner sono Impresa Verde Cuneo srl, il Comune di Isola e l’Association foncière agricole de la châtaigneraie des vallées de la Tinée et de la Vésubie.

L’obiettivo è rilanciare la castanicoltura da frutto, per recuperare la cultura del castagno come attività economica e sviluppare intorno ad essa una nuova filiera produttiva e di mercato, in grado di produrre reddito e occupazione e di rilanciare il ruolo di tutela ambientale e paesaggistica che i castagneti svolgono sul territorio alpino.

Il progetto è finanziato dal bando “Nuove sfide” del programma Interreg VI-A Francia-Italia Alcotra 2021 – 2027 per un importo di 741.743,00 euro, di cui 593.394,40 euro provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale e i restanti 148.348,60 euro dal cofinanziamento dei partner.

Per saperne di più: https://www.vallestura.cn.it/Home/Pagine-del-Comune?ID=9525

Cognitio-Fort – Far conoscere il patrimonio fortificato transfrontaliero e strutturare l’offerta culturale

Il capofila del progetto è il Département des Alpes-Maritimes e i partner sono l’Unione Montana Valle Stura, il Parc national du Mercantour e l’Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Marittime.

L’obiettivo è valorizzare e sviluppare la conoscenza scientifica delle strutture fortificate italo-francesi per creare un’offerta culturale di qualità e consentire di trasmettere questo patrimonio alle generazioni future, rendendolo accessibile e fruibile a tutti i tipi di pubblico. Sulle Alpi meridionali esistono molte opere militari, oggi sovente sconosciute e con problemi di accessibilità.

Il progetto è finanziato dal bando “Nuove sfide” del programma Interreg VI-A Francia-Italia Alcotra 2021 – 2027 per un importo di 2.047.488,85 euro, di cui 1.637.991,08 euro provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale e i restanti 409.497,77 euro dal cofinanziamento dei partner.

Per saperne di più: https://www.vallestura.cn.it/Home/Pagine-del-Comune?ID=9593

GE.CO Gestione ecologica dei conflitti

Il capofila del progetto è la società francese Oxalis di Aix-les-Bains e i partner sono l’Ente di Gestione delle aree protette del Monviso, la Città Metropolitana di Torino, il Parc Naturel Régional du Queyras e la Fédération des Hautes-Alpes pour la pêche et la protection du milieu aquatique.

Una particolare attenzione verrà posta nei confronti della gestione dei conflitti che possono presentarsi quando vengono messe in atto azioni di tutela di due specie simbolo del territorio transfrontaliero: la Salamandra di Lanza e la Trota fario.

Lo scorso lunedì 4 dicembre i tecnici del Parco Monviso con i colleghi della Città Metropolitana di Torino hanno presentato le attività che vedranno coinvolti circa 50 studenti degli Istituti di Istruzione Superiore “Soleri – Bertoni” e Pellico-Denina-Rivoira” di Saluzzo. Gli studenti parteciperanno, nel prossimo triennio, a lezioni e incontri in Francia ed in Italia con loro colleghi d’oltralpe e della Valle Pellice, per un totale di circa 150 ragazzi coinvolti.

Il progetto si concluderà del 2026 e prevede un finanziamento di circa 1,6 milioni di euro che sarà impiegato a favore del territorio italiano e francese per attività di studio e monitoraggio, di divulgazione verso le scuole e il pubblico.

Per saperne di più: https://www.parcomonviso.eu/news/693/al-via-le-attivita-del-progetto-ge.co

Un territorio che ha ottenuto il riconoscimento dall’UNESCO come Riserva della Biosfera del Monviso, una terra discreta, ma di straordinaria bellezza e unicità.

Queste valli sono il territorio ideale per chi ama la montagna e la natura e soprattutto lo sport all’aria aperta: dal trekking alle passeggiate a cavallo; dal mountain bike all’arrampicata sportiva e su ghiaccio; dal kite surf al parapendio; dallo sci alpino a quello di fondo; dalla canoa al rafting.