Il sito visit.terresmonviso.eu è online in versione Beta! Hai consigli e feedback su come migliorarlo? Scrivici sui social!

Anello Monte Pagliano

Informazioni
Tipologia di percorso
Mountain Bike
Dislivello
830 m
Km
24.1 km

L’itinerario si sviluppa all’imbocco della valle e tocca ben 4 Comuni: Busca, Rossana, Piasco e Costigliole. Nonostante si pedali prevalentemente lungo bei sentieri e piste forestali nel fitto del bosco, non mancano i punti panoramici che offrono scorci suggestivi sul massiccio del Monviso e su tutta la pianura limitrofa. Curioso il passaggio all’Eremo di Busca, divenuto palazzo nobiliare in seguito alla soppressione napoleonica degli ordini contemplativi, e tra i ruderi del castello di Rossana che ne sovrastano l’abitato e le cui origini risalgono circa all’anno mille.

Si inizia a pedalare da piazza Fratelli Mariano di Busca, seguendo Strada Rossana e iniziando subito a salire lungo la bella panoramica che conduce agli 800 m slm dell’Eremo (si evitano tutti i bivi sulla sinistra). Da qui ha inizio lo sterrato che, alternando tratti più pedala ad altri più impegnativi, si dirige verso il Monte Pagliano. Poco prima della vetta s’imbocca il sentierino nel bosco che raggiunge i ruderi del castello di Rossano e quindi l’abitato. Si percorre via Cavour in discesa e circa 200 m della provinciale, imboccando, sulla destra, la pista forestale che in 4.6 km di saliscendi si ricongiunge all’asfalto nei pressi di Santa Caterina di Costigliole. Si affronta un tratto ancora in salita alla volta di Cascina Paradiso dove si evita di seguire le indicazioni per San Michele e si procede lungo il saliscendi che a quota 612 m slm incontra la sterrata che raggiunge nuovamente il monte Pagliano dal versante est. Un tratto finale particolarmente ripido permette di guadagnare i 900 m slm di Cascina Abello dove si svolta a sinistra e, dopo 1.3 km, ancora a sinistra, in ripida discesa su Busca dove, percorrendo via Mazzini, via Aldo Moro e via Buonarroti si fa ritorno al punto di partenza.

Un territorio che ha ottenuto il riconoscimento dall’UNESCO come Riserva della Biosfera del Monviso, una terra discreta, ma di straordinaria bellezza e unicità.

Queste valli sono il territorio ideale per chi ama la montagna e la natura e soprattutto lo sport all’aria aperta: dal trekking alle passeggiate a cavallo; dal mountain bike all’arrampicata sportiva e su ghiaccio; dal kite surf al parapendio; dallo sci alpino a quello di fondo; dalla canoa al rafting.

Hai bisogno di aiuto?