Il sito visit.terresmonviso.eu è online in versione Beta! Hai consigli e feedback su come migliorarlo? Scrivici sui social!

Pera Madernassa P.A.T.

Info
Informazioni
Azienda Agricola L'Ostal
Azienda Agricola Biologica Cascina Rosa
Contatti
Azienda Agricola L'Ostal tel.: 017198209 / e-mail: email lostal@lostal.it
Azienda Agricola Biologica Cascina Rosa tel.:(+39) 0171619741 / e-mail: infocascinarosa@gmail.com

Può sembrar strano, ma se si giunge in Valle Grana e si vuole gustare un frutto saporito, ricco di fibre e con poche calorie, la prima scelta deve essere la pera Madernassa.

LA STORIA
Questo particolare frutto nasce come per magia da un seme caduto  in un appezzamento della cascina Gavello della Borgata Madernassa su di una collina posta tra Guarene e  Castagnito. Apprezzandone la bontà il proprietario della cascina iniziò a coltivarne diverse piante, e così fecero anche i vicini. La pera fu descritta per la prima volta dal prof. Raffaele Carlone sul periodico L’Italia Agricola: nelle sue righe ne esalta la rusticità, la produttività e la lunga vita. Dal 1999 è in corso l’iter per il riconoscimento IGP.


IL FRUTTO
L’albero della Madernassa ha un periodo di fioritura precoce e produce una pera di dimensioni medio-piccole, con una buccia sottile, ruvida al tatto e di colore verde-giallognola. La polpa è di colore chiaro, croccante e di sapore dolce e leggermente tannico.
In cucina si presta bene ad essere cotta nel vino rosso o in uno sciroppo, ed è ottima per preparare dolci. Le sue caratteristiche nutrizionali come la presenza di una grande quantità di potassio e le poche calorie presenti fanno sì che sia un ottimo spuntino.


IN VALLE GRANA
In Valle Grana la coltivazione è completamente biologica e ogni anno a Valgrana, in ottobre, si svolge la Fiera della Pera Madernassa.

Un territorio che ha ottenuto il riconoscimento dall’UNESCO come Riserva della Biosfera del Monviso, una terra discreta, ma di straordinaria bellezza e unicità.

Queste valli sono il territorio ideale per chi ama la montagna e la natura e soprattutto lo sport all’aria aperta: dal trekking alle passeggiate a cavallo; dal mountain bike all’arrampicata sportiva e su ghiaccio; dal kite surf al parapendio; dallo sci alpino a quello di fondo; dalla canoa al rafting.

Altre storie
Anello Monte Bellino
Apri Chat
Hai bisogno di aiuto?